Il codice da un miliardo di dollari (2021)

di Robert Thalheim

con Leonard Scheicher, Marius Ahrendt, Mark Waschke, Misel Maticevic, Lavinia Wilson

Negli anni ’90, due visionari giovani nerd tedeschi – Carsten e Juri – realizzano un programma rivoluzionario, chiamato Terra Vision che permette di individuare un punto qualunque nel mondo e visualizzarlo, zoomando con un livello di dettaglio molto alto. Vi suona familiare? Ovviamente sì se avete mai dato un’occhiata a Google Earth

La miniserie TV in quattro episodiIl codice da un miliardo di dollari – ripercorre la vicenda della creazione di Terra Vision, della sua presentazione al mondo e di come Google se ne sia appropriata per realizzare il proprio software, infischiandosene bellamente del brevetto. Almeno se si vuole credere alla ricostruzione proposta dalla serie diretta da Robert Thalheim che, alternando al racconto presente una serie di flashback, ci conduce al fatidico momento del processo in cui i due programmatori tedeschi e il colosso americano si ritrovano faccia a faccia.

Disponibile su Netflix, Il codice da un miliardo di dollari, al di là di un look “da nerd”, miscela sapientemente i tempi del racconto, senza mai risultare “materiale solo per cervelloni informatici” e garantendo la giusta tensione nell’avvicinamento e poi nello svolgimento della fase processuale. Certo la struttura e la regia non regalano particolari guizzi e il continuo alternare i diversi piani temporali (con conseguente abbondanza di flashback) è una scelta ormai abusata ma la storia regge, i personaggi sono credibili, sebbene non manchi qualche stereotipata forzatura nel delinearli (in particolare Yuri), e le puntate risultano godibili e mai scontate.

 

Voto: 6,5