La donna per me (2021)

di Marco Martani

con Andrea Arcangeli, Alessandra Mastronardi, Stefano Fresi, Francesco Gabbani

 

La sera prima di sposarsi, Andrea (Andrea Arcangeli) si sfoga con gli amici, manifesta tutti i dubbi tipici della situazione e si interroga se Laura (Alessandra Mastronardi) sia la persona giusta per lui. Non è forse troppo gelosa? E anche eccessivamente appiccicosa? Ah quanto sarebbe meglio non averla conosciuta e aver vissuto in modo differente…

Attenzione a desiderare troppo qualcosa perché poi c’è il rischio che i sogni (o gli incubi…) si avverino! Ed è quello che succede ad Andrea che – come per magia – si ritrova a vivere una serie di esistenze differenti, tutte accomunate dall’assenza di Laura… con risultati che non è difficile immaginare.

Sorta di favola che prende in prestito l’idea principale da Il giorno della marmotta con Bill Murray (senza averne un briciolo di verve e ironia), La donna per me è un’innocua commediola a cui non manca qualche spunto divertente e che, minuto dopo minuto, si appiattisce sempre di più e si incanala – senza colpo ferire – verso un happy ending più scontato dei consigli del telegiornale per i bambini e gli anziani su come affrontare i torridi giorni estivi…

Il buon Andrea Arcangeli – decisamente diverso dal Roberto Baggio de Il divin codino – si barcamena alla bell’e meglio tra volti più o meno noti del mondo del cinema e dello spettacolo (c’è perfino il cantante Francesco Gabbani). Il film scivola via senza grandi rivelazioni né sull’amore né sulle relazioni e termina la sua discesa sull’affollato fondo del dimenticatoio, dove lo lasceremo senza rimpianto alcuno.

 

Voto: 5