The new pope (2019)

di Paolo Sorrentino

con Jude Law, John Malkovich, Silvio Orlando, Cecile de France, Ludivine Sagnier

The New Pope comincia da dove era finito The Young Pope, ovvero da papa Pio XIII (Jude Law) in coma e dagli intrighi dei cardinali – tra cui spicca l’impareggiabile Voiello (Silvio Orlando) – per eleggere il nuovo pontefice, con tanto di primo passo falso con conseguenze drammatiche e seconda scelta (John Malkovich) all’apparenza più saggia. Ma le sorprese sono dietro l’angolo, anche perché Pio XIII riesce a non farsi dimenticare nemmeno in stato vegetativo

La trama dietro a un’opera di Paolo Sorrentino è solamente uno degli elementi del racconto e raramente il più importante. In realtà in questa seconda stagione d’ambientazione vaticana non mancano, così come nelle prima, gli spunti interessanti, i riferimenti a tutti gli scandali sessuali che hanno coinvolto la chiesa nel corso dei secoli e i giochi di potere che mantengono alto l’interesse per le vicende.

Le trovate geniali ed emozionanti non mancano – su tutte il lento respiro di Pio XIII intervallato da profondi sospiri diffuso alla radio – così come non mancano le immagini evocative, sotto forma di inquadrature composte come affreschi, di primi piani, di lenti carrelli in avanti per i deserti corridoi vaticani. Insomma anche in The New Pope, Sorrentino ci tiene a farci sapere che è… Sorrentino. E ci tiene anche a ricercare il gusto dello scandalo, del proibito, del nudo come opera d’arte. In quest’ultimo caso, l’operazione è riuscita fino a un certo punto, perché l’impressione è che spesso a prevalere sia il gusto voyeuristico, con corpi, danze, esposizioni di carne e perfino glory hole che appaiono decisamente fini a se stessi, per appagare l’occhio guardone più che essere funzionali al racconto.

Al di là di questo, The New Pope resta una serie che si fa guardare per quello che racconta ma anche per com’è girata, che spesso si concede qualche pausa di troppo, che quasi sempre si compiace ma a cui non mancano poesia, misticismo e classe.

 

Voto: 7